Codex: 079

Century:XIVex.
Material:cartaceo
Size (mm):290x223 (200x135)
Foliation:I-II+126
Columns:1

Description

Altre segnature: In pluteo xi (antica); A-VI-3; XXXVI-3. Bianchi i ff. 123r e 126v. Tracce di scrittura libraria a due colonne nei fogli di guardia pergamenacei ga_a-gp_b all'inizio ed alla fine del codice. Scrittura di base corsiva, prima posata poi piů corrente; due iniziali filigranate a f. 1, le altre lasciate in bianco. Foliazione recente a matita in cifre arabiche. Fascicoli, con richiami finali, di 10 fogli tranne il primo e l'ultimo che sono di 8. Descrizione di A. Martínez de Pons incollata all'interno del piatto anteriore. Legatura in assi con pelle bianca al dorso ove si legge: Meridianum Petri de Unzola super octo capitulis Summae Rolandini de Arte Notariae - Secul. XIV. Sul piatto anteriore: Meridiana Summa P. de Unzola. Resti di un fermaglio rovinato. A f. 1r nota di possesso del Gómez: Ludovici Gomesii Rote Auditoris. Meridiana summa Rolandi. A f. 2r l'annotazione di mano tarda: Ergo Additionator atque illustrator est D. Ludovicus Gometii uti is ipse exprimit in 1. fol. Nell'alto del f. ga_av (sec. XIV): Quod quisque facit patitur/Suoque premitur exemplo nocens; e nel f. gp_bv (sec. XIV): Nota quod interesse et refectio dampnorum et expensarum secundum glo. domini Acc. est pena secunda dantis. Nota quod per hoc comparativum plus pena non potest peti ultra quartum numerum neque apponi debet in accusationibus et in aliis quia vitiaret accusationem. Segue di mano piů recente (sec. XV ?): Iste liber est mei Roberti s<...>. Annotazione di incerta lettura all'interno del piatto inferiore: pe<...> per<...> et de zaferano insieme cum s<...> e libre/de viribus (?) herbarum composto da Messer domenicho darezo <........>/a di 27 de gennaio 1465.

Works

Bibliography

A. Martínez de Pons, Bibliotheca Albornotiana. Continet manuscriptos codices qui adservantur in Regali ac Majori Collegio Hispanorum gratia ab eximio Card. Albornotio erecto..., ad cod. [MS nella Biblioteca del Collegio. Le descrizioni relative ai codici civilistici sono state parzialmente edite a stampa da M.J. Peláez, ‘Catálogo de la documentación’ p. 485-548, specialm. 504-528], dal quale dipendono F. Blume (Bluhme), Bibliotheca librorum manuscriptorum Italica. Indices bibliothecarum Italiae ex schedis Maieri eslingensis, Haenelii lipsiensis, Gottlingii ienensis, Car. Wittii, suisque propriis, p. 108 e, per il suo tramite, G. Dolezalek (con la collaborazione di J.A.C.J. van de Wouw), Verzeichnis der Handschriften zum römischen Recht bis 1600 I, ad cod.; Mostra del Digesto e della storia dello studio di Bologna nella Biblioteca dell’Archiginnasio. Catalogo, p. 71 nu. 99 (senza il numero del MS).