Codex: 200

Century:XV (Perugia 1463: f.v.; 1470: f; 1457: f; 1460: f)
Material:cartaceo
Size (mm):340x235 (210x140)
Foliation:I-II+427
Columns:2

Description

Altre segnature: 18; 519 (antiche); E-V-2; XXXIII-2. Bianchi i ff. 234, 242v-244v, 272r, 299v-301v, 367r-368, 374v-385v, 411-413, 426-427. Due fogli cartacei di guardia (ga_a-ga_b) all'inizio; sul f. ga_ar la scritta, poi cancellata: Ant. III. Appendix Mss. 1683. Scrittura: quasi tutto il cod. č in italica corrente, con lemmi in capitale, di mano del romano Paulus Serazanus o de Serazanensibus; brevi interventi di altre mani - per es. in umanistica corsiva ai ff. 233ra-242ra, in corsiva del tipo della semigotica delle carte ai ff. 267ra-268rb, 302ra-313vb, 346vb-348vb, 353va-359vb, in altra corsiva semigotica ai ff. 360ra-362vb. Fascicoli generalmente di 10 fogli con richiami finali. Foliazione recente a matita. Legatura in assi con pelle bianca al dorso sul quale si legge: Petrus Philipus de Nobilibus de Cornio super 2am partem Codicis - Repetitiones Benedicti Capra aliorumque 1454-1470, 200. All'interno del piatto superiore č incollata la descrizione di Martínez de Pons. Buono stato di conservazione salvo la perdita della metŕ del primo foglio e della metŕ del piatto posteriore. A margine di quasi tutte le opere si trovano annotazioni, relative al testo, di mani leggermente posteriori. In diversi casi trattasi di indicazioni del seguente tenore: (f. 11ra) Ioannes Rotundus habuit in punctis l. i. ff. loca. et l. Iudices C. de sententiis; (f. 14r) Io. Cola habuit in punctis l. Tempus C. quibus non obiicitur longi temporis prescriptio et l. Veteres ff. de actionibus empti; (f. 113vb) Die xii. Martii festum sancti Gregorii nostri; (f. 123vb) Nota quod die xxviii. Martii m.cccc.lxviiii. hora xxiii. cum dimidia hic Perusii fuit terremotum et parum duravit. Ideo nil mali feci et tunc ego staba in studio quia totus tremui et libri tremuerunt et scanno; (f. 131ra) Puncta iuris civilis domini Simonis de Urbeveteri l. Quamvis ff. de usufruc. et l. Sciens C. de usuca. pro emptore; (f. 205va) 1469. Die xi. Iulii hora xiii. cum dimidia obiit famosissimus in toto orbe doctor dominus Mansuetus de Mansuetis de Perusio dominus meus singularissimus et per decem dies stetit infirmus cuius anima in pace requiescat. Hora xxi. fuit sepultus; (f. 230v) Die xiiii. Augusti qua die fuerunt posite vacationes generales (con riferimento al 1469). Sono poi frequentissime indicazioni cronologiche marginali costituite dalla sola data che corre, per esempio, dal 31 maggio 1463 (f. 249r) al 20 giugno 1470 (f. 406v). Secondo tali indicazioni la prima opera sarebbe stata scritta nel 1469, mentre le altre lo sarebbero state fra il 1463 ed il 1470. L'ordine non razionale della successione delle date fa pensare a piů parti autonome riunite poi nello stesso cod.

Works

Bibliography

A. Martínez de Pons, Bibliotheca Albornotiana. Continet manuscriptos codices qui adservantur in Regali ac Majori Collegio Hispanorum gratia ab eximio Card. Albornotio erecto..., ad cod. [MS nella Biblioteca del Collegio. Le descrizioni relative ai codici civilistici sono state parzialmente edite a stampa da M.J. Peláez, ‘Catálogo de la documentación’ p. 485-548, specialm. 504-528], dal quale dipendono F. Blume (Bluhme), Bibliotheca librorum manuscriptorum Italica. Indices bibliothecarum Italiae ex schedis Maieri eslingensis, Haenelii lipsiensis, Gottlingii ienensis, Car. Wittii, suisque propriis, p. 99 e, per il suo tramite, P. O. Kristeller, Iter Italicum. A Finding List of Uncatalogued or Incompletely Catalogued Humanistic Manuscripts of the Renaissance in Italian and Other Libraries I, p. 27, G. Dolezalek (con la collaborazione di J.A.C.J. van de Wouw), Verzeichnis der Handschriften zum römischen Recht bis 1600 I, ad cod., P. L. Falaschi, ‘Della Cornia, Pier Filippo’, Dizionario biografico degli Italiani XXXVI, p. 777 (per il nu. 1).